Museo di Napoleon- Villa Mulini

Isola d’Elba è conosciuta in tutto il mondo per i grandi nomi della storia: Napoleon Bonaparte.

Dopo la sconfitta della Russia nel 1812 e la battaglia di Lipsia nel 1813 Napoleon Bonaparte è costretto ad abdicare ed esiliato all’Elba nel 1814.

Fondamentalmente carcere Isola d’Elba non era nel vero senso per il grande Napoleone. Ha scelto l’Elba e durante il suo esilio in questa piccola terra circondata dall’acqua e quasi dimenticato, ha portato più innovazione rispetto a qualsiasi altro governo. Così, durante questo periodo, per la prima volta in molti secoli, Isola d’Elba fu unita sotto un’unica bandiera, per la prima volta dopo tante battaglie, Napoleone Buonaparte governare un territorio che lo avrebbe onore per sempre.

Napoleone raggiunge il Portoferraio il 3 maggio 1814, è ricevuto in pompa magna dalla gente del posto. Il 4 maggio, il sindaco di Portoferraio, Pietro Bonaparte simbolicele Tradizioni consegnate le chiavi della città e dichiara che momento “il più felice nella storia dell’isola.”

Su Elba, Napoleone aveva due residenze: Villa dei Mulini a Portoferraio (più visitato da me) e Villa di San Martino, che si trova a sei chilometri dalla città.

Villa dei Mulini è una bella struttura con una vista sulla città, e qui Napoleone ha trascorso gran parte dell’esilio.

Per raggiungere la villa è necessario salire alcuni gradini (molti a molti) che iniziano vicino al municipio Portoferraio. Ma una volta che ci siamo alzati il ​​paesaggio è meraviglioso.

La villa è piccola ma ben mantenuto. Al suo interno sono una varietà di oggetti rivestiti con oro e mantenuto l’Imperatore. Non tutti gli oggetti sono la sua personali salvo e solo alcuni libri della biblioteca che la firma di Napoleone stampato sul retro.

Hits: 15

Comments

comments